Freschezza e opulenza, dove sta il vino oggi? Scopriamolo mercoledi 24 febbraio da Obica Firenze con God Save The Wine

Siamo nel mezzo di un altro strano inverno del nuovo millennio con temperature inusitate e particolari con sprazzi di freddo e medie molto elevate ma almeno la sicurezza del nostro evento ad Obica con Firenze Spettacolo e Promowine c’è sempre! Così come c’è sempre la sicurezza dello straordinario successo mondiale dei nostri prodotti e delle nostre ricette come dimostra nel caso di Pizza e Mozzarella che hanno visto di recente grandi eventi (come Le Strade della Mozzarella e Pizza Forma Mentis a Napoli) continuare ad approfondirne i concetti.

Ecco perchè come ogni anno ll nostro piccolo grande festival del vino e degli abbinamenti torna nel salotto buono della città in Via Tornabuoni e ripropone la sfida di gusto e abbinamento con la Mozzarella di Obica’, uno dei tesori italiani che ci rende orgogliosi nel mondo e che sottolinea l’aspetto giovanile piacevole e fresco del vino, spesso poco considerato dai critici ma tanto amato dal pubblico.

obica firenze nuovo 3

Ma non sarà solo la mozzarella ad animare la serata, le sfide al gusto e alla passione dei nostri ospiti saranno tante e variegate e ci aiuteranno a risvegliare i nostri sensi per la nuova stagione… Obica’ fin dall’inizio ha puntato forte sulle particolarità gastronomiche italiane e quindi ecco che ci troveremo in un contesto interessante per sperimentare i vari livelli di freschezza ed equilibrio dei vini che saranno in assaggio. Per esempio avremo tante bollicine stimolanti che sono ovviamente l’emblema della freschezza e il motivo per cui tante aziende si sono buttate a produrre bollicine anche fuori dalle zone spumantistiche tradizionali. Zone che avremo ben rappresentate con Champagne e Prosecco uno di fronte all’altro per rimettere in campo una sfida che sta animando giornali e scaffali: il nostro Prosecco infatti dopo anni di rincorse è riuscito nell’intento di sorpassare come numero di bottiglie vendute il vino francese. Ma è un sorpasso per ora fatto di tante bottiglie vendute a prezzi non particolarmente alti rispetto ai cugini francesi e una qualità non sempre allineata verso l’alto. Ci sono però le eccezioni fatte di piccole aziende famigliari che producono Prosecco particolari e ricchi di sfumature che aprono un capitolo nuovo sia per i mercati che per gli abbinamenti a tavola come scoprirete nella nostra serata con coccoli caldi e affettati misti sarà davvero intrigante perchè un accostamento di questo genere permette di utilizzare al meglio le componenti aromatiche intense e croccanti dei vini per rincorrere le (spesso) pesanti sapidità e aromaticità dei salumi. Soprattutto la grassezza di alcuni richiede urgentemente al palato freschezza e salivazione ed ecco che bollicine sono i vini numeri uno con una buona alternativa data dai bianchi presenti alla manifestazione, presenti in dosi massicce, una rarità per i nostri festival che virano sempre al rosso!

Rossi che non mancheranno  e saranno anche particolarmente corposi e in genere lontani dal concetto di freschezza comunemente noto. E invece anche i rossi, quando sono grandi, sanno essere freschi e appuntiti, o almeno tanto quanto basta per equilibrare la componente di estratto  e di alcol che tendono ad appensantire il sorso. Dalla biodinamica di Lucca agli appassitoi del Veneto e della Valpolicella passando per Chianti Classico saranno molte le proposte per portarci a capire che un vino rosso non solo può ma deve essere fresco e agile per piacere davvero, almeno al palato italico, avvezzo alla bevibilità dei vini più che alla loro concentrazione e polpa, aspetti che sembrano essere stati accantonati dal pubblico dopo essere stati considerati rilevantissimi negli anni 90 e 2000.

Ma la serata non potrebbe dirsi completa se mancassero altre due tipologie classiche per la freschezza come i bianchi, qui rappresentati dagli storici vini veronesi di Lugana e dintorni, e i rosati che hanno visto un notevole rinascimento sia in quantità che in qualità negli ultimi anni soprattutto in zone come la Toscana dove la tradizione vuole questi vini molto semplici e dalla vita brevissima, tutto il contrario delle proposte che troverete in sala durante la nostra serata. Scommettiamo che sapranno sorprendervi anche loro?

Così come potrebbe sorprendervi la Grappa, altra eccellenza italiana spesso trascurata che accompagnerà la vostra fine serata o, per chi avrà l’ardire, anche altri momenti con abbinamenti inconsueti: se in Scozia esiste il Whisky Dinner, perchè non lanciare una Grappa-dinner dalle nostre parti?

 

Ecco la lista vini!

Champagne Encry Veuve Blanche Estelle (Le Mesnil, F)

Champagne Encry Brut

Champagne Encry Zero Dosage

Champagne Encry millesime 2009

 

Zardetto (Conegliano, TV)

Conegliano Valdobbiadene DOCG brut “Viti di San Mor” (6 mesi sui lieviti, 1,3 g/l)

Rive di Ogliano DOCG brut “Tre Venti” (6 g/l)

Conegliano Valdobbiadene DOCG brut “Refosso”

Conegliano Valdobbiadene DOCG brut “Cavalier” biologico

Conegliano Valdobbiadene DOCG rifermentato in bottiglia “Fino in Fondo”

 

Ruffino (Pontassieve, FI)

Rosatello Prima Cuveè

Nuovo fiasco Chianti Superiore DOCG 2013

Riserva ducale Chianti Classico Riserva 2012

 

Bottega (Bibano di Codrega, TV)

Prosecco DOC Poeti

Millesimato Stefano Bottega Brut

Amarone della Valpolicella DOCG 2012

Grappa Riserva Privata barricata

 

Fattoria Sardi Giustiniani (Lucca)

Fattoria Sardi Rosé 2015 – Igt Toscana Rosato

Fattoria Sardi Vallebuia 2014 – Doc Colline Lucchesi Rosso – senza solfiti aggiunti

 

Cesari (San Floriano, VR)

Soave DOC Nibai 2013

Lugana Cento Filari 2013

Corvina Jèma 2010

Ripasso Bosan 2011

Amarone Riserva Bosan 2009

 

Castello del Trebbio (Rùfina, FI)

Chianti Superiore 2014

De’ Pazzi 2011 IGT Toscana

IGT Toscana VT Congiura 2014

 

Tenuta CasaDei (Suvereto, LI)

Sogno Mediterraneo 2014 IGt Toscana

 

Olianas (Gergei, Ca)

Isola dei Nuraghi IGT Perdixi 2013 Olianas
e altri che si aggiungeranno…

 Ingresso tutti i vini e cena a buffet 25,00€

Prenotazioni via mail a [email protected]

Obica Firenze

Via dé Tornabuoni, 16
50123 – Firenze
Tel. 055.2773526
[email protected]