Porte aperte al Caffè, domenica 22 novembre a Borgo San Lorenzo aperta la torrefazione Mokarico, e scoprirete perchè il caffè che si DEVE bere senza zucchero…

Espresso Mokarico

Una domenica diversa nel Mugello,perchè non passarla a visitare una torrefazione? ANzi, una delle migliori d’Italia dove davvero c’è da imparare e gustare un mondo tutto particolare. E non lo diciamo solo perchè è il caffè che allieta i vostri dopo pasto da Burde (rigorosamente senza zucchero), ma perchè davvero Marco Paladini (vicepresidente INEI e proprietario dell’azienda) ha un garbo e una capacità comunicativa uniche.

E vi porterà alla scoperta di cosa fa buono e particolare una miscela piuttosto che un altra…

Di seguito programma e comunicato:

22 novembre 2009

‘IO BEVO ESPRESSO’ MOKARICO

In collaborazione con Inei Istituto Nazionale Espresso Italiano una giornata a porte aperte per imparare a riconoscere le qualità del vero espresso italiano.

Per 6 italiani su 10 il caffè è un piacere, un rito quotidiano irrinunciabile. Ma quanti lo conoscono veramente? Quanti sanno riconoscerne le qualità? Bevanda psicoattiva, ricca di antiossidanti, dal basso apporto calorico e dall’elevata capacità di attivare il metabolismo, il vero caffè Espresso Italiano Certificato, per essere tale, deve possedere alcune precise caratteristiche, sia organolettiche sia olfattive e visive.

Domenica 22 novembre prossimo, Mokarico apre le porte della torrefazione di Borgo San Lorenzo vicino a Firenze per l’evento “Io Bevo Espresso”, la prima manifestazione nazionale organizzata da INEI per promuovere il consumo e la cultura della bevanda calda italiana più amata nel mondo. Mokarico continua così la sua campagna di tutela del consumatore proponendo gratuitamente ai visitatori un viaggio nel mondo del caffè. Su prenotazione (chiamando il 0558495085 o inviando una email a: [email protected] entro il 18 novembre) sarà possibile seguire il corso “Impariamo a riconoscere l’Espresso”, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

Il caffè Mokarico, dall’aroma ricco e armonico e dal gusto equilibrato ed intenso, è il risultato di una miscela unica caratterizzata dal perfetto equilibrio tra acidità, corpo, aroma, sapore e dolcezza, dove Santos brasiliani e centro americani dai sapori marcati si mescolano ad Etiopici dolci e Robusta indiani lavati, che conferiscono al caffè un sapore rotondo inconfondibile.

Quello di Mokarico è il vero Espresso Italiano Certificato: si presenta alla vista con una crema di colore nocciola e di tessitura finissima (assenza di maglie larghe e bolle più o meno grandi). All’olfatto ha un profumo intenso che evidenzia note di fiori, frutta, pane tostato e cioccolato, sensazioni che permangono nel lungo aroma per decine di secondi, a volte per minuti. Il gusto è rotondo, consistente e vellutato, l’acido e l’amaro risultano bilanciati senza che vi sia prevalenza dell’uno sull’altro e l’astringente è quasi impercettibile o assente. Una bevanda dalla determinata fisionomia organolettica, delineata secondo le regole scientifiche dell’analisi sensoriale.

Mokarico, storica azienda nata a Firenze un secolo fa, ad oggi è ancora la prima e unica torrefazione al mondo con triplice certificazione di qualità: ISO 9001, ISO 14001 (ambientale) e SA 8000 (etica). Marco Paladini – che dopo essere stato Presidente per tre anni è oggi Vice Presidente INEI – ne custodisce, con passione e profonda conoscenza, tutti i segreti per la lavorazione e la miscelazione del caffè. E domenica 22 novembre, ma solo quel giorno, li svelerà con piacere, lo stesso che si prova gustando il suo caffè.

Per informazioni:

MOKARICO – Marta Calò  tel. 338-9487140  email: [email protected]

Guendalina Perelli tel. 023491782 – 329/9388286  email: [email protected]

4 thoughts on “Porte aperte al Caffè, domenica 22 novembre a Borgo San Lorenzo aperta la torrefazione Mokarico, e scoprirete perchè il caffè che si DEVE bere senza zucchero…

  1. Francesco says:

    Ciao Andrea, sono un tuo lettore “mugellano” da diverso tempo e volevo segnalarti una chicca mugellana, visto che forse capiterai in zona per berti un bel caffe’…. forse la conosci ma comunque ne vale la pena: Osteria di San Piero a san Piero a Sieve (hanno anche un sito web! http://www.osteriadisanpiero.it ).
    facci un salto se sei da queste parti che ne vale veramente la pena, in primis per i vini (carta interessantissima) ed anche per mangiare un boccone!

    Che dopo il caffe’ buono ci vuole anche un ammazzacaffe’ no? 😉
    ciao
    Francesco

  2. Francesco says:

    Ciao Andrea, sono un tuo lettore “mugellano” da diverso tempo e volevo segnalarti una chicca mugellana, visto che forse capiterai in zona per berti un bel caffe’…. forse la conosci ma comunque ne vale la pena: Osteria di San Piero a san Piero a Sieve (hanno anche un sito web! http://www.osteriadisanpiero.it ).
    facci un salto se sei da queste parti che ne vale veramente la pena, in primis per i vini (carta interessantissima) ed anche per mangiare un boccone!

    Che dopo il caffe’ buono ci vuole anche un ammazzacaffe’ no? 😉
    ciao
    Francesco

  3. Andrea Gori Andrea Gori says:

    o forse “prima” del caffè!!! me lo segno, grazie francesco!

  4. Francesco says:

    OK…allora quando ci passi fammi sapere come è andata!

    ciao
    Francesco

Comments are closed.