gourmet

Matteo Baronetto e Torino Città Gourmet: riscrivere la tradizione

Non solo i soliti discorsi su innovazione e tradizione, né lo sterile lamento di una città che sembra cambiare sempre e non cambia mai: sono bastati pochi mesi a Matteo Baronetto a Il Cambio per capire Torino e i Piemontesi, apprezzare i suoi vini (cosa che aveva già cominciato a fare a Milano da Carlo Cracco) e soprattutto capire come scavare sotto i miti culturali e gastronomici sabaudi per riproporli ad un pubblico moderno e gourmet.  (altro…)

Lieviti d’autore a Pietrasanta, Santarpia e company ci fanno sognare

Metti una sera a Pietrasanta a discutere di pizza, il tormentone più ricorrente degli ultimi anni nel settore enogastronomico, l’argomento che monopolizza tante discussioni tra appassionati ma anche, e qui sta il bello, anche semplici amanti di questo alimenti che chiedono solo di gustarsela in pace con i migliori ingredienti senza troppi sofismi. E a partire dai lieviti e lievitazione passando per la farine e i forni per finire ai condimenti e tempi di cottura gli argomenti su discutere e spesso litigare sono davvero tanti e alla portata di chiunque o quasi. Senza dimenticare la birra, l’altra grande meraviglia che nasce da cereali e lieviti… (altro…)

Roots – radici toscane vi porta nel bosco in cerca di ricette: sapete come cucinare i tuberi?

E’ il 1944, i giorni sono quelli del famigerato Eccidio di Civitella in Val di Chiana (AR) quando dodici bambini e una madre si nascondono nel bosco per sfuggire alla guerra e per 15 giorni si nutrono dei frutti della terra. Oggi, 2015, sei chef reinterpretano i frutti del bosco in piatti gourmet. Un’esperienza nuova vissuta alla ricerca di nuovi sapori ed emozioni che ci ho portato realmente nel bosco armati di torce (vere) in cerca delle radici del sottosuolo toscano reinterpretati dalle preparazioni di Tosco Bosco ed esaltati dal talento di un gruppo eterogeneo di chef. (altro…)

Cucina Gourmet e calorie, sfidiamo l’impensabile con Peter Alois Aufderklamm a Merano

Tra gli aspetti della nostra vita che preferiamo non approfondire occupa un posto speciale quello delle calorie dei nostri piatti preferiti… Sospettiamo che siano tante ma è anche vero che esiste anche la capacità  della grande cucina di farci apparire appetitosi piatti che in genere non considereremmo nel nostro quotidiano. Ecco che allora siamo andati a Merano a trovare Peter Alois Aufderklamm che nel ristorante di Villa Eden a Merano prova a conciliare l’inconciabile! (altro…)

E su Repubblica di oggi…Sommelier informatico e DegustaVino, la nuova era delle applicazioni per il vino

Questo è una delle quelle cose che vanno dritte nel faldone dei sogni realizzati…ovvero aver contribuito a far parlare di vino e web e informatica in generale che finchè rimane qui sulla rete è bello ma fa il solito effetto bellissimo se lo si vede stampato. In edicola su Repubblica Firenze di oggi (ma anche nell’edizione nazionale online con queste foto) ecco che spiego qualche retroscena dietro la nascita di Degustavino, l’applicazione di Marchesi de’ Frescobaldi che ha tanto fatto parlare soprattutto fatto bere nelle scorse settimane. E anche la nuovissima app di Castello di Ama, di cui abbiamo già parlato. (altro…)

Dove mangiare sulla costa livornese| e come ci si sta allo Scoglietto, deh?

La risposta è la stessa che potete leggere sulle magliette dei ragazzi che lavorano qui, ovvero “alla grande” e non solo per la bellissima piattaforma in mezzo al mare, lo scoglietto appunto, attrezzata di ombrelloni e base notevole di partenza per soddisfacenti sessioni di snorkeling in mezzo a scorfani, ombrine e quant’altro si può vedere sui bei fondali di Rosignano. Si sta alla grande anche e soprattutto per come si mangia e come si beve al ristorantino giusto dietro gli ombrelloni… (altro…)

Enrico Bartolini alla Gourmet Arena, classe e speranze, di sicuro un buon compleanno il 24 novembre!

Siamo stati da Enrico la scorsa estate  ed è stata una serata da non scordare, lo ritroviamo qui a Merano e ripropone con scioltezza impressionante molti dei piatti che lo hanno reso famoso e che valgono il viaggio a Montescano (PV) ovvero il “marchesiano” risotto di rapa rossa e gorgonzola dolce, la guancia di maiale con purea di rafano e la crema con crumble inglese e spuma di meringa. Nelle foto vedete la preparazione ma a noi interessano più due chiacchere con Enrico nel backstage e fare previsione se questa maledetta stella Michelin arriverà a fine mese oppure no… (altro…)