Andrea Gori, Sommelier informatico

Sommelier, oste, giornalista (per Business People), scrittore, organizzatore di eventi God Save the Wine e blogger, tra le venti figure al mondo più influenti sul web per quanto riguarda il vino. Laureato Biologo, scopre molto prima la tecnologia e l’informatica e solo da “grande” il vino, quando entra a lavorare nella trattoria di famiglia. Coniugare le due passioni diventa naturale e nasce il “sommelier informatico” ovvero la comunicazione del vino ai tempo di oggi usando e sperimentando ogni nuovo mezzo di diffusione.

Dapprima i video autoprodotti su YouTube (più di un milione e trecentomila di visualizzazioni, il canale più visto del vino in Italia con oltre

2500 video di degustazioni) poi la nascita del blog Vino da Burde poi Dissapore e Intravino, i due siti che hanno rivoluzionato il modo di parlare di vino e cibo sulla rete.

Redattore di testi didattici AIS, scrittore premiato Bancarell’Vino 2011 con il libro Divinando Le Stelle nel Bicchiere,  già Campione Toscano sommelier nel 2006, ViceCampione Europeo nel 2008 quest’anno Ambassadeur de Champagne per l’Italiav. Ogni mese (o quasi) organizza a Firenze e dintorni il minifestival God Save The Wine che prova a rivoluzionare il modo di bere e gustare il vino in città.

Ma cosa si intende per Sommelier informatico?

La definizione di “Sommelier Informatico” me la sono data da solo  e serve solamente a farvi vedere che sono riuscito dopo anni a capire cosa voglio fare da grande, ovvero occuparmi di pc internet e applicazioni multimediali e al contempo bere del buon vino, possibilmente anche insieme a del buon cibo. Nel campo della sommelier ho raggiunto qualche traguardo importante come il titolo di ViceCampione Europeo Sommelier a Londra a Gennaio 2009 che si è aggiunto al titolo di Miglior Sommelier Toscana  2006Ambassadeur de Champagne 2011 per l’Italia.

Come giornalista pubblicista collaboro ogni mese con Business People (editore Duesse, 60mila copie di tiratura, 12 mila abbonati) con una rubrica fissa sul vino ed enoturismo (qui i miei articoli dal 2008  ad oggi).

Oggi a quanto pare, mi ritrovo anche tra i primi 3 “influencers” nel mondo del vino online in Italia secondo una ricerca InBuzzers e UberVu e tra i primi al mondo secondo Klout.

andrea gori ciucciavino

Il fato benigno mi ha fatto nascere in una famiglia di ristoratori da 4 generazioni e quindi avevo solo bisogno di qualche anno per rendermi conto che il posto giusto per me era proprio nel ristorante di famiglia la famosa Trattoria Da Burde…locato nella periferia nord-ovest di firenze

Però per arrivarci sono passato da una Laurea in Biologia sull’Ingegneria Genetica vegetale all’Università di Firenze e tre anni di progettista consulente per KiOSCO sulla formazione nell’ambito dei progetti Europei…che mi hanno fatto conoscere e apprezzare Internet in ambito

 

professionale.

Nel corso degli anni (da quando ne avevo sette) ho un computer per le mani e da un Commodore 64 ad un Vaio di strada ne ho fatta e mi sono sempre un pò arrangiato con le cose elettroniche fino ad arrivare ad internet cui rimango collegato anche 4-5 ore al giorno se possibile…

La vita va avanti e le proposte diventano sempre più interessanti così a Luglio 2008 vengo contattato per un ambizioso e gustosissimo progetto wine & food nel centro di Firenze e quindi dopo mesi di trattative e discussioni ecco che da Aprile 2009 sono consulente per la nascita di  Osteria Tornabuoni che finisce nelle principali guide del settore compresa la guida Michelin che lo mette al nono posto tra i ristoranti di Firenze e tra i pochi segnalati come “grande carta dei vini”.

Nel frattempo, insieme a Massimo Bernardi, Fiorenzo Sartore, Francesca Ciancio, Stefano Caffarri , Leonardo Ciomei e Giulia Graglia facciamo nascere il progetto web Dissapore Network che si amplia con il tempo con i blog Intravino e Spigoloso. Attualmente per contatti visibilità Dissapore è il magazine  numero uno in Italia  per il cibo mentre Intravino lo è per quanto riguarda il vino.

Per avere un’idea di cosa significhi sommelier informatico, ecco un bel servizio apparso su La7 ad ottobre 2010:

 

 

Unendo astrologia e vino nel 2010 esce  per Romano Editore “Divinando le Stelle nel bicchiere” scritto a quattro mani (o due tastiere) con Giulia Graglia  che vince il Premio Bancarel’Vino 2011 a Mulazzo.

Sempre parlano di libri, nel 2010 è uscito anche Vino nel Mondo , testo ufficiale del secondo livello AIS corso sommelier in cui c’è una mia
partecipazione a molte sezioni.Freschissimo di stampa e presto disponibile in tutti gli store di libri sulla rete e librerie “reali” il mio libro sullo Champagne ovvero “Manuale di Conversazione sullo Champagne, come fingersi esperti intenditori” per TrentaEditore.

37 thoughts on “Andrea Gori, Sommelier informatico

  1. innocente pivetta says:

    sig. Gori, una grande cortesia: son veneto ,son tifoso viola e in più mi piace il sangiovese : ho incontrato su Burde il grande Kurt : posso avere l’indirizzo della sua tenuta, un recapito, l’email? mille grazie

  2. Andrea Gori Andrea Gori says:

    ecco tutti i dettagli dell’azienda che produce il vino per Hamrin! in realtà appunto la tenuta non è sua ma di Pierfrancesco Martini
    http://www.santappiano.it/ita/index.php
    Fattoria Sant’Appiano – Via S. Appiano, 11 – 50021 Barberino Val D’Elsa – Firenze – Italy
    P.Iva 00538580481 – Tel. +39 0558075541 – Fax +39 0558066242 – [email protected]

    dì pure che “ti mando io”!

  3. Michela says:

    Buongiorno Andrea,

    ho visto che hai già recensito la serata memorabile di sabato sera a Le Pagliere con Bottura dando particolare rilievo alla piatto di mezzo, sono d’accordissimo con te: esperienza che coinvolge i nostri sensi e la nostra mente tutti insieme. E’ stato un piacere conoscerti e condividere il tavolo con altrettante persone piacevoli ed interessanti, oltre che coinvolte dalla piacevole serata.

    A presto!

    Michela Sartori
    (rfm. Zenato)

  4. ciao Andrea siamo amici comuni di Natasha santandrea la tenda rossa ti volevo segnalare la nuova gestione del RistoBar Michelangelo

    RISTOBAR MICHELANGELO
    La novità ……della tradizione
    Dall’ex Bar Galassi , che prese il nome da Alberto Galassi, indimenticato centravanti passato dal Bologna alla Fiorentina Calcio insieme a Ferruccio Valcareggi, rinasce il RISTORANTE MICHELANGELO, al Piazzale Michelangelo, il più famoso punto di osservazione di Firenze, meta obbligata dei turisti in visita alla città e della tradizionale “girata” di relax dei Fiorentini.

    Situato proprio sul Piazzale Michelangelo, lo storico Ristorante – Bar – Caffè Michelangelo , è una splendida struttura con ampia Terrazza Panoramica sulla città, dotata di sale interne, illuminate da mille candele, con affacci strepitosi da….Sindrome di Stendhal…….!!!!!
    Il locale, trasformato in ogni suo settore, è gestito dai giovani imprenditori Lorenzo Landi e Alessandro Brazzini e si avvale di un “nome storico” fiorentino nel campo della ristorazione, Andrea Gargani, conosciuto dai buongustai come “il Garghino”, giovane e affermato chef di grande talento, figlio d’arte, che, ogni giorno, propone una gustosa selezione della cucina regionale Toscana-Fiorentina, oltre ai tradizionali piatti innovativi della cucina Italiana .

    Ed è con grande orgoglio per la sua “cultura fiorentina” che esalta gli elementi fondamentali, pane, olio d’oliva, carne e vino, che lo chef Andrea Gargani propone in carta piatti tradizionali, le cui ricette risalgono alla Tavola dei Medici, dalla pappa al pomodoro, paccheri al ragù fiorentino agli spaghetti ai carciofi, gli umidi, le animelle e i tortini, per arrivare alla trionfale “Bistecca alla Fiorentina”, unica e tradizionale, considerata tra le migliori della città, forte della sua ampia cultura sui tagli e la qualità della carne di manzo.
    Una Carta dei Vini importante, vini toscani e nazionali, per una location e un abbinamento cibo/vino…..veramente……unici al mondo!
    RistoBar Michelangelo
    Firenze, Viale Galilei, 2/r
    055 2342705
    http://www.ristobar michelangelo.it
    [email protected]

  5. mariagiulia says:

    Caro Andrea, ho letto di te e ti faccio i miei complimenti perchè sei riuscito a fare della tua passione il tuo lavoro e ciò non è facile!
    Vorrei sottoporti alcune questioni e spero tu riesca a darmi una mano.
    Vivo in un piccolo paese del parco nazionale del cilento e vallo di diano e qui tutto è meraviglioso: mio nonno diceva che questa terra era stata baciata da Dio! tanta acqua pura, un clima mite, un terreno fertilissimo…Mi raccontava sempre che qui prima c’erano tanti poderi in cui si coltivava di tutto…sembrava un Eden. Poi il graduale abbandono delle campagne per le città, lo spopolamento, i giovani in cerca di facili guadagni altrove, le strade ridotte a colabrodo, le case vuote…
    Io sono rimasta. Credo in questa terra e nelle sue potenzialità. Ma ho bisogno di concretezza! se i giovani avessero degli esempi positivi in zona sono certa che tornerebbero!!!

    Mi farebbe piacere che venissi a dare un’occhiata…è un luogo ideale per far risorgere un’agricoltura di qualità ed in più a novembre avremo il riconoscimento UNESCO per la Dieta Mediterranea quale patrimonio culturale ed immateriale dell’Umanità!!!

    Aspetto una tua risposta e resto a disposizione per ulteriori info.
    Grazie ed a presto

  6. Andrea Gori Andrea Gori says:

    certo che nel Cilento ci sono cose meravigliose sia per il cibo che per il vino…personalmente ne sono rimasto colpito leggendo le pagine di Luciano Pignataro e del mio illustre collega Angelo di Costanzo e le rare volte che ci sono passato, mi ha proprio dato l’impressione di una terra che deve essere ancora davvero valorizzata. Abbiamo, su Intravino, un progetto per tante regioni che non godono dei riflettori di Piemonte o Toscana, vedremo che succederà!

  7. Bruno says:

    Buon giorno sig. Gori. Ho visto il servizio che LA7 le ha dedicato oggi e mi sono deciso, approfittando della sua pazienza e competenza, a chiederle un cosiglio. Mio suocero mi ha regalato la sua collezione di vini: ca. 1000 bottiglie, soprattutto del Nord d’Italia, tra le quali credo ci siano dei “pezzi” di un certo valore (Barolo del ’46 o Gattinara del ’61, solo per nominare un paio di esempi, ma la lista è varia). Non avendo competenza e conoscenza adeguate, temo di non essere in grado di valorizzare (non solo in senso venale) un tale regalo. Inoltre, e soprattutto, non ho un luogo adeguato dove conservare le bottilgie (al momento sono in un garage nella casa in campagna, con tanto di caldaia nelle vicinanze). Vorrei pertanto provare a vendere le bottiglie a chi potrebbe e saprebbe apprezzarle a pieno. Può consigliarmi a chi rivolgermi? La ringrazio in anticipo e la saluto. Bruno Magagnini

  8. Andrea Gori Andrea Gori says:

    ti cerco qualcuno in grado di farti una stima, bruno, poi ti contatto via mail!
    Anche se il mio consiglio rimane sempre di costruire belle occasione e berle insieme alle persone che ha più care, vale molto di più dei soldi che può fare vendendole!

  9. stefano coppola says:

    Gentile Sig. Gori ci tenevo a ringraziarla, per i commenti sui nostri vini (Timpa del Principe e Dolcedorme) da lei degustati presso il ristorante l’Approdo in Calabria.
    Naturalmente il ringraziamento è da parte di tutta l’azienda e in particolare da me e dall’Enol. Marco Monchiero.
    Grazie e mi auguro di risentirla presto.
    Cordialmente Enol. Stefano Coppola.

  10. Andrea Gori Andrea Gori says:

    tutto merito dei sommelier dell’Approdo, mi sono fidato e ho fatto bene, ancora complimenti e la prossima volta che scendo giù passo a trovarvi!

  11. Giuseppe Di Stanio says:

    Egregio dr. Gori,
    siamo un gruppo di amici che, oramai in pensione, si diverte ogni tanto a qualche cena con degustazione di nuovi vini.
    Visto il suo giudizio sul DOLCETTO di Dogliani dell’ Einaudi ho comprato un bel cartone e via all’ assaggio.
    Io sono rimasto perplesso, mi sembra un vino mediocre, ma ancora più perplesso dall’etichetta. La Einaudi è solo un imbottigliatore…Come mai ? Ma chi è il produttore. Ad alcuni amici il vino è piaciuto. A me no, Ritengo che ci sia di meglio allo stesso prezzi, sbaglio ? Ma come mai tanti continuano a non denuciare in etichetta il reale produttore ?
    La saluto affettuosamente.
    Pino Di Stanio

  12. Andrea Gori Andrea Gori says:

    Einaudi è una realtà che produce un numero piuttosto alto di bottiglie ed è proprietario di molti ettari ma non tutto quanto esce come Dolcetto Einaudi viene da vigneti di proprietà. Io di questa azienda ho assaggiato di recente i due “cru” di dolcetto e li ho trovati molto ben fatti seppur di stili molto diversi. E’ probabile che l’etichetta che ha assaggiato lei sia il “base”, piacevole come vino quotidiano da tavola ma in assoluto non un grandissimo vino. Si ricorda il nome esatto del vino?

  13. Giuseppe Di Stanio says:

    …certamente è il dolcetto di Dogliano ‘ vigna tecc’…a me non sembra di nessuna particolarità. Prezzo onesto ma niente di particolare.
    Ma che ne pensa dei grandi nomi che sommessamente immettono sul mercato con il loro logo prodotti in realtà vinificati da altri ?
    Mi è capitato spesso di dover leggere bene le etichetta per non avere sorprese. Mi trovo nella zona dei Castelli romani dove diversi furbacchioni propinano anonimi vini d’altri anche se realizzati con le regole delle DOC o DOCG. In Italia senza leggi restrittive…come peraltro per l’olio…mah. Un caro saluto.
    Pino Di Stanio

  14. Giuseppe Di Stanio says:

    ,,,mi scusi il refuso, è Dogliani…

    Pino Di Stanio

  15. Complimenti Andrea …… per la tua professione enologica ed informatica …… che costituisce un buon complemento nell’era digitale.
    Sono spesso fuori per lavoro ,,,,,, ma troverò il modo di venire in trattoria…
    Fabrizio

  16. Andrea Gori Andrea Gori says:

    grazie fabrizio, ti aspetto!

  17. Stefano Coppola says:

    Gentile Sig. Gori abbiamo il piacere di invitarla al nostro stand al Vinitaly Pad. 3 stand B 8 per farLe degustare i nostri vini e per conoscerci personalmente.
    Cordialmente Enol. Stefano Coppola

  18. Gentile Signor Gori,
    il suo blog mi sembra molto interessante! Posso avere i suoi contatti email per un’iniziativa on line dedicata al mondo del vino e dei cocktail?!
    Grazie
    A presto

  19. Andrea Gori Andrea Gori says:

    grazie dell’interessamento, la contatto immediatamente via mail!

  20. Paolo Epifani says:

    Ciao Andrea,
    collaboro con il Consorzio Chianti Classico per la promozione dell’evento Chianti Classico è 2011.

    Ho trovato il tuo blog molto interessante e sarei molto felice se tu accetttassi il nostro invto alla conferenza stampa questo venerdì a Firenze.

    Posso avere un tuo contatto email per inviarti l’invito?

    Grazie

    A presto

  21. Andrea Gori Andrea Gori says:

    salve paolo
    sono già in contatto con il Consorzio e ho ricevuto l’invito, scriverò anche del programma quanto prima, grazie!

  22. lino SAENZ says:

    Ciao,

    Ho pensato che potrebbe essere interessato a inserire un link al zoomvino sul tuo blog. zoomvino è la prima piattaforma di comunicazione in internet che mette in contatto aziende vinicole con acquirenti di tutto il mondo.
    Etichettato in ordine di luoghi: le aziende vinicole elencate su zoomvino si trovano in 50 paesi, 250 regioni e 1700 denominazioni geografiche (denominazioni). La piattaforma elenca le aziende più attive commercialmente che vendono vini imbottigliati. zoomvino Buzz è una guida unica di vini – per coloro che acquistano vini direttamente dalle aziende o che hanno in programma una vacanza all’insegna del vino.

    Ecco un link per zoomvino: http://zoomvino.it/

    Grazie, Lino.

  23. carmela says:

    andrea ciao, chissà ti sarai dimenticato di me ^_^
    ho smarrito la tua mail e non so come recuperarla

    ti ricorda qualcosa una salernitana di empoli che ama il vino toscano?
    🙂

  24. Andrea Gori Andrea Gori says:

    mi chiedevo giusto che fine avessi fatto! ti mando una mail, cmq la mia non è così segreta ! burdedjchiocciolagmail.com

  25. mariagiulia says:

    Ciao Andrea,

    sto ancora aspettando una tua visita nel Cilento. Vieni ora o mai più! questo è il momento per lanciare progetti….!!!
    Ci sono tante iniziative in campo, idee e persone che vogliono creare opportunità.
    Fammi sapere. Ci conto.

    M.Giulia

  26. Andrea Gori Andrea Gori says:

    mariagiulia sai che mi muovo pochissimo e solo in Estate…ci sta il prossimo anno o a Vitigno Italia o subito dopo! ma il tuo articolo per Intravino dov’è finito?

  27. stefano says:

    Gentile Sig. Gori,

    sono l’en. di Tenute Ferrocinto.

    Siamo appena usciti con il nuovo aglianico “Serra delle Ciavole”.
    Avrei il piacere di farLe degustare qualche bottiglia.
    Posso inviare dei campioni? A quale indirizzo?
    Certo di una Sua gentile risposta porgo
    Cordiali Saluti.

  28. Andrea Gori Andrea Gori says:

    salve Stefano!
    può mandarle qui in Trattoria Da Burde Via pistoiese 154 50145 Firenze, le assaggio molto volentieri!

  29. leonardo says:

    Ciao Andrea, volevo scriverti un messaggio diretto su twitter ma non seguendomi non me lo fa inviare.. ho tolto facebook.. dove posso scriverti?

    Ciao,

    Leonardo

  30. carlo ottaviano says:

    Andrea, per favore puoi darmi una tua mail. Grazie e scusa se uso questo metodo ma non ho i tuoi recapiti.
    Grazie e auguri,

Comments are closed.