La festa di Natale di God Save the Wine torna a Firenze Hotel Bernini il 12 Dicembre per gli auguri diVini da tutti noi

Torna la festa di Natale di God Save the Wine con la consueta magica serata all’Hotel Bernini dietro Piazza della Signoria, nel cuore di Firenze ma soprattutto con tutti i vostri cuori e il vostro entusiasmo che ha reso speciale anche questo anno del nostro festival. Serata con il classico menu ricchissimo e una selezione di vini da tutta Italia con ospite speciale lo Champagne sempre e comunque con Firenze Spettacolo e l’organizzazione di Riccardo Chiarini di Promowine.

Un altro anno  è passato sotto il segno del vino e della voglia di stare insieme a scoprirlo nel nostro classico stile aperto, moderno e senza complicazioni inutili. Un anno che ci ha visto imparare a descrivere un vino in tre parole, che ci ha visto lo scorso mese debuttare a Roma addirittura a Teatro e che ci ha visto impegnati nel mettere insieme le 9 Capitali del vino mondiale per un evento che ancora ci ricordiamo per emozioni molto particolari.
Le stesse emozioni che riproveremo tornando il 12 dicembre prossimo all’Hotel Bernini sotto le luci di un Natale sempre scintillante ma sempre più votato alla semplicità e lontano da eccessi del passato anche recente.


Una tendenza che notiamo anche nel vino dove la comunicazione magniloquente di nuove cantine e costruzioni faraoniche ha lasciato spazio a vitigni, territorio e cultura i veri valori che rendono importante e imprescindibile il vino italiano nel mondo. Un ritorno alla concretezza e ai veri valori del vino che troppo spesso sono stati tirati sotto i riflettori della moda come status symbol e come oggetto per ostentare la propria capacità di spesa. Oggi un vino non piace perchè deve piacere o perchè qualche guru o qualche critico ne canta lodi sperticate, oggi e ancora di più per Natale sotto le feste, un vino piace perchè incarna una idea di famiglia, un’idea di valore sociale e aggregatore che vada oltre i campanili e le discussioni da wine bar su quali siano i vini “top” 10 100 o 1000 dell’anno.
Per noi un Friulano e uno Champagne o anche un Chianti Classico paragonato ad un Brunello di Montalcino hanno pari dignità se tutti rappresentano una idea di storia, di cultura, di tradizione popolare che si perpetua attraverso le bottiglie e al lavoro di tante mani e tante vite che scorrono dietro di lui.


Regalare un vino per Natale è cambiato, non è più come regalare un maglione o un gadget elettronico ma qualcosa di estremamente più intimo, spesso molto meno costoso per fortuna e qualcosa che si avvicina a regalare un libro perchè il vino è storia liquida del territorio che lo ha prodotto che a sua volta porta a esplorare, leggere e approfondire. Poco importa poi se la scoperte la lettura e l’approfondimento avvengano su un libro, su una guida, su un tablet o dal vivo in cantina, l’importante è che scatti la scintilla di curiosità che ci allontana dal viver come bruti. Ma anche se solo fosse per il piacere effimero che il vino sa regalarci nel berlo non varrebbe forse comunque la pena aprirlo per questo Natale?
Non necessariamente una bottiglia speciale che si in genere lasciamo per queste occasioni: ogni bottiglia sa essere speciale se raccontata e gustata in maniera consapevole e inserita nel suo contesto.
Sotto l’albero di God Save the Wine quest’anno avremo le tradizioni del Friuli con i suoi vini bianchi profumatissimi, i rossi intensi di Maremma, l’eleganza di Montalcino e il ruggente sangiovese dal Chianti Classico, le bollicine pregiate e sontuose dalla Champagne nonchè i tanti vitigni autoctoni che costellano la nostra regione e la nostra penisola. In tavola nelle nostre case ci apprestiamo a gustarci le ricette che troverete nelle prossime pagine con fagioli, cotechino, polenta, brovada e frico oppure tacchino o ancora cotechino e lenticchie, il cappone ripieno piuttosto che un succulento spezzatino diverso da casa a casa in una miriade di combinazioni e abbinamenti che vi lasciamo raccontare dai nostri protagonisti come idea di partenza, ben sapendo che gli abbinamenti migliori si fanno con le persone con cui sceglierete di passare il Natale.
E a quel punto, ogni vino potrebbe essere il migliore e più natalizio del mondo!
Ci assale a questo punto il solito dubbio, ovvero che magari tra una tombola e le più classiche riunioni di famiglia può non essere facile trovare il momento di assaporare questi vini e questi piaceri ma volete mettere quanto può rigenerare trovare almeno dieci minuti a lasciarvi cullare dal vostro vino del cuore?
Facciamo così, intanto festeggiate con noi e con il popolo di God Save The Wine con qualche giorno di anticipo, poi a Natale qualcosa si inventerà…

Lista vini e aziende presenti:

Champagne Comtesse Lafond (Epernay, F)

  • Champagne Comtesse Lafond Brut
  • Champagne Comtesse Lafond Rosé
  • Champagne Comtesse Lafond, Vintage 2005

La Collina dei Ciliegi (Grezzana, VR)

  • Valpolicella Ripasso DOC 2010
  • Amarone della Valpolicella DOC 2007
  • Zamuner Rosè Brut 2006
  • Garganega IGT Veronese 2011


Cantina Produttori di Cormòns (Cormons, GO)

  • Pinot Grigio DOC Collio 2011
  • Friulano DOC Collio 2011
  • Vino della Pace 2010


Fattoria Lavacchio (Pontassieve, FI) – BIO

  • Chianti Rufina DOCG Riserva “Cedro” 2007
  • Chianti Rufina DOCG “Cedro” 2009
  • Pachar IGt Toscana bianco 2011
  • Oro del Cedro Traminer Vendemmia Tardiva 2010


Candialle (Panzano in Chianti FI)

  • La Misse Chianti Classico DOCG 2010
  • Candialle Chianti Classico DOCG 2009
  • Ciclope IGT Rosso Toscano 2007


Terrabianca (Radda in Chianti – SI)

  • La Fonte Bianco Igt Toscana 2011
  • Scassino Chianti Classico 2009
  • Croce Chianti Classico Riserva 2008
  • Il Tesoro Merlot IGT 2007


Piandaccoli (Malmantile, Lasta a Signa – FI)

  • Cosmus  Chianti DOCG 2010
  • InPrimis IGT 2010  Sangiovese, Pugnitello Foglia Tonda
  • Maiorem IGT 2010 Sangiovese,Pugnitello, Foglia Tonda, Mammolo e Colorino.


Fattoria Montellori (Fucecchio – FI)

  • Montellori Pas Dosè 2007
  • Chianti DOCG 2009
  • Dicatum Igt Toscana Sangiovese 2007
  • Salamartano Igt Toscana Cabernet e Merlot 2007
  • Vin Santo Colli Toscana Centrale 2005


Terre di Ger (Pravisdomini – PN)

  • Sauvignon IGT delle Venezie  2011
  • Refosco dal Peduncolo Rosso Igt delle Venezie 2009
  • Brut Spumante Metodo Classico
  • Cabernet Franc Doc Friuli Grave 2009


Casavyc (Scansano – GR)

  • Syrah Sy Maremma Toscana IGT 2007
  • Syrah Sy Maremma Toscana IGT 2008
  • Syrah Sy Maremma Toscana IGT 2009
  • Temerario Pinot Nero Maremma Toscana IGT 2010

Ed ecco il menu della cena:

– Trionfo di Ostriche

– Pecorini con miele e composte di frutta
– Salumi toscani e focaccia
– Olive all’ascolana
– Tempura di verdure
– Pizza alla partenopea
– Crostino con pomodoro e basilico
– Crostino con lardo
– Voul au vent al tartufo
– Canapé allo speck d’oca con burro salato
– Canapé allo spada fumé
– Canapé al tonno fumé
– Canapé al salmone fumé
– Insalatina di mare
– Code di gamberoni in crosta
– Onda di risotto ai funghi del bosco
– Ravioli alla zucca gialla con burro tartufato
– Peposo all’Imprunetana
– Varietà di frutta esotica
– Dolcetti di Natale panettone pandoro panpepato ricciarelli con salsine varie (cioccolato, mascarpone e vaniglia)

Dalle 19:30 in poi, ingresso 20€
Info e prenotazioni presso Firenze Spettacolo [email protected]

Hotel Bernini Palace
Piazza San Firenze, 29 – (Piazza della Signoria) – 50122 Firenze – Italia – tel: +39 055 288621 – [email protected] www.duetorrihotels.com

4 thoughts on “La festa di Natale di God Save the Wine torna a Firenze Hotel Bernini il 12 Dicembre per gli auguri diVini da tutti noi

  1. simonawp says:

    e chi se la perde con tutti quegli champagne!!

Comments are closed.