La Grande Bellezza del Vino è sui Lungarni al Gallery Art Hotel di Firenze Giovedì 29 Maggio

All’indomani del trionfante Vinitaly, il Vino torna a Firenze, capitale della Bellezza Italiana, per un GOD SAVE THE WINE ambientato nella suggestiva location del Gallery Hotel del Gruppo Ferragamo, design contemporaneo nel cuore antico della città, a due passi due dal Ponte Vecchio. Con una speciale appendice sulla magnifica Terrazza dell’Hotel Continental, uno sguardo a 360° sulla storia della città, le colline del Piazzale, la valle dell’Arno…

In effetti se ci pensate bene quando si parla di vino, parliamo di un fenomeno mondiale di consumo che ci vede sì protagonisti, se davvero in quantità siamo diventati il paese numero uno al mondo ma che vede ogni anno aggiungersi sul mercato nuovi e agguerriti concorrenti. California, SudAfrica, Australia, Nuova Zelanda,Argentina, il Cile, Inghilterra e in futuro anche Cina, Russia, India e Brasile potrebbero riservare sorprese perchè i metodi di coltivazione e di vinificazione hanno contribuito a fare di tutto il  mondo un vigneto potenzialmente immenso dove la qualità è incredibilmente alta quasi dappertutto. C’è però un qualcosa che il nostro vino può mettere in campo che nessun altro concorrente può fare, neppure i francesi che talvolta ci sono ancora davanti per qualità, ovvero i nostri monumenti , la nostra cultura e le nostra Grande Bellezza.

pannellao gstw gallery

Niente potrà infatti portarci via i tesori, i palazzi e paesaggi unici e indimenticabili che rendono l’Italia un luogo straordinario per fare del vino e per vivere.

Ogni sorso, si dice, di un grande vino dovrebbe farci viaggiare con la mente e riscoprire in quache modo un luogo che abbiamo visitato oppure farci sognare di andarci. E’ una esperienza che molte persone provano in visita in Italia e a Firenze e ma in genere in qualsiasi posto “bello” dove si produca anche del vino, che i ricordi della sensazione gustativa, i profumi e tutto ciò che ci circonda si salva nella nostra memoria come un tutt’uno inscindibile. La stessa magia che spesso troviamo di ritorno da un viaggio in una terra lontana quando guardiamo una foto, riannusiamo un profumo o una musica che ci emoziona.

Tre i veicoli più potenti del fascino del vino di certo abbiamo il colore che come diceva Vasilij Kandinsky di cui abbiamo ammirato alcune opere  a Palazzo Strozzi di recente “Il colore è un mezzo che consente di esercitare un influsso diretto sull’anima. Il colore è il tasto, l’occhio il martelletto, l’anima è il pianoforte dalle molte corde”. Il colore è un elemento visivo privilegiato che insieme alla forma è capace di comunicare alla nostra mente: basta pensare ai significati che ai colori associamo continuamente, veicoli simbolici di sensazioni, emozioni e suggestioni.

I colori colpiscono i nostri sensi raggiungendo il profondo del nostro cuore e, di fatto, la nostra esperienza di scoperta e coinvolgimento anche con il vino comincia proprio dal colore.

Prima ancora del calice, tutto comincia dal colore della confezione e dell’etichetta, dagli arabeschi anticati all’oro, al nero e al bianco tutto ci comunica uno stile che il vino può confermare con i suoi profumi e il suo gusto.

Le emozioni e le aspettative che il colore di un vino appena versato in un calice trasparente suscita ai nostri sensi sono incredibili e molteplici. Spesso al momento del primo sguardo ad un calice di vino siamo in grado di farci un’idea di ciò che assaggeremo giudichiamo molto più dal colore di quanto siamo disposti ad ammettere, e difatti il ruolo di un enologo si misura molto in base a quanto “bello” riesce a far apparire un vino.

vernaccia gallery

Ad esempio nei rossi il colore che più ci invoglia e ci stimola alla qualità  il rosso porpora, indice di vino giovane vivace e senza difetti mentre un granato o un aranciato li ammettiamo solo per vini di un certo invecchiamento o età (vedi Barolo, Brunello di Montalcino, Riserva di Chianti Classico). Lo stesso colore granato in vino più giovane o che si suppone fresco viene percepito giustamente come un problema del vino stesso. Ma in realtà il nostro occhio è capace di scorgere sfumature più fini arrivando a dirci anche qualcosa sull’acidità/freschezza (in termini chimici, sul pH) : sfumature verdoline nei vini bianchi e riflessi melanzana – bluastri nei vini rossi sono indice di freschezza , ph basso e giovinezza del vino stesso, elementi che aumentano la nostra percezione positiva di vini giovani ma che risulterebbero posticci e sospetti in vini che invece ci aspetteremmo complessi ed evoluti.

La cosa più straordinaria del colore è inoltre il fatto che è capace di farci percepire in maniera diversa suoni e soprattutto profumi, come potrete scoprire assaggiando alla cieca o alcuni dei vini presenti nella serata God Save The Wine.

fi spett maggio 2014

A partire dalle bollicine e le loro sfumature di giallo verdolino e paglierino o dorato potrete provare a capire la differenza tra Prosecco, Franciacorta, Oltrepo’ Pavese e Champagne e poi cimentarvi con il Vermentino di Sardegna e di Toscana, i bianchi di San Gimignano e i rossi con le infinite sfumature del Sangiovese, del Cannonau, del Cabernet e Merlot di Maremma. E in mezzo a tutto la bellezza delle sfumature del rosa, dal velo di cipolla, allo charme dei rosè più intensi, colori che affascinano già dal primo sguardo al calice, forse perché ricordano tramonti lontani o romantiche albe montane. Ancora una volta, buona scoperta del colore con God Save The Wine!

Vini in degustazione:

Lista Vini GSTW 29 Maggio Gallery

 

Champagne Pol Roger

  • Pol Roger Champagne Brut Reserve
  • Pol Roger Champagne Vintage 2004

Champagne Jean Milan

  • Jean Milan Champagne Brut Tradition

Champagne Corbon

  • Corbon Champagne Brut Prestige

 

Marco Benvenuti (Magliano in Toscana, GR)

  • Paraggio Rosso IGT Maremma 2011
  • Paraggio Rosso IGT Maremma 2010
  • Paraggio Selezione IGT Maremma 2010
  • Paraggio Rosato IGT Maremma 2013

Castello del Trebbio (Rùfina, FI)

  • Metodo Classico Castello del Trebbio (extra brut Chardonnay- Trebbiano)

 Cecchi (Castellina in Chianti SI)

  • Castello Montauto Vernaccia di San Gimignano 2013
  • Villa Cerna Chianti Classico 2011
  • Villa Cerna Chianti Classico 2010

Tenuta CasaDei (Suvereto, LI)

  • Sogno Mediterraneo IGT Toscana 2012 Tenuta Casadei (Grenache, Syrah, Mourvedre)
  • Viognier IGT Toscana 2012 Tenuta Casadei (90%Viognier 10% Petit Manseng)

 

Olianas (Gergei, Ca)

  • Vermentino doc Sardegna 2013 Olianas
  • Cannonau doc Sardegna 2013 Olianas

 

Consorzio Vernaccia di San Gimignano (San Gimignano , SI)

  • Vernaccia di San Gimignano Annata 2012-2013
  • Vernaccia di San Gimignano Selezione 2012-2013
  • Vernaccia di San Gimignano Riserva 2010-2011

 

Villa Franciacorta (Monticelli Brusati, BS)

  • Franciacorta Emozione Brut Millesimato 2009
  • Franciacorta Satèn Millesimato 2009
  • Franciacorta Extra Blu Extra Brut Millesimato 2007
  • Franciacorta Rosè Brut Millesimato 2009

 

Belpoggio (Montalcino, SI)

  • Belpoggio  Di Paolo Ciliegiolo IGT Toscana

 

Bellussi Spumanti (Valdobbiadene, TV)

  • Belcanto Superiore di Valdobbiadene DOCG brut
  • Bellussi Prosecco Superiore di Valdobbiadene DOCG extra dry

 

Giorgi Oltrepo’ Pavese

  • Gran Cuvèe 1870 Storica Metodo Classico
  • Il Bandito Riesling OP DOC 2010
  • Moscarosa Dolce IGT Provincia di Pavia
  • Clilele Rosso OP Doc 2011

 

Tenuta Buon Tempo (Loc. Oliveto, Montalcino SI)

  • Rosso di Montalcino 2012
  • Brunello di Montalcino 2009

 

Panzanello (Panzano in Chianti, FI)

  • Chianti Classico Panzanello 2012
  • Chainti Classico Riserva Panzanello 2010
  • Manunzio Igt Toscana 2010
  • Vindea Limited Edition Igt Toscana 2006
  • Grappa Rosa di Panzanello

 

Distilleria Umberto Bonollo (Mestrino, PD)

  • Grappa OF Amarone Barrique
  • Amaro Of
  • Grappa OF Ligneum Prosecco
  • Grappa OF Prosecco

Tutti i vini e cena completa a buffet 25€ .

Menu buffet

  • Selezione di focaccia farcita ,pane
  • Selezione di formaggi
  • insalata di orzo,gamberetti,pesto e pomodorini
  • Gnocchetti sardi con cavolfiore e salsicce
  • Saccottini ripieni di tonno e verdure al curry
  • Spiedini di agnello e cous-cous
  • Sandwiches misti con pane integrale
  • Tortillas con verdure
  • Riso biriani
  • Pinzimonio del The Fusion Bar
  • Frutta nel bicchiere

Dalle 19:30 alle 22:30. 25 euro tutti gli assaggi e cena a buffet

INFO E PRENOTAZIONI:
Prenotarsi via mail a: [email protected] riceverete conferma scritta
oppure The Fusion bar & restaurant – 055 27266987

Screenshot 2014-05-07 09.22.54