Rosso d’Autunno 21 Settembre: Castelvecchio e i Colli Fiorentini del Chianti

Giovane ma dinamica azienda del Chianti Colli Fiorentini, gestita e diretta da Stefania e Filippo che si sono dati alla riscoperta di un vitigno poco conosciuto come il Canaiolo e allo stesso tempo hanno contribuito a connotate la denominazione come vini perfetti per il consumo quotidiano e dall’ottimo rapporto qualità prezzo. E anche quando hanno cercato di ottenere vini più complessi e sfaccettati, i risultati non si sono fatti attendere (vedi l’ormai molto noto supertuscan Brecciolino) tutti in assaggio  martedì 21 Settembre nella spettacolare serra del Giardino dell’Orticoltura, in mezzo alla farfalle.
Vino e Birra: perchè il sorpasso storico a tavola?
A mio avviso penso che non abbiamo sbagliato niente … il fatto che sia aumentato il consumo della birra a discapito del vino è in gran parte dovuto al momento di contingenza economica attuale (la birra costa molto meno del vino) unito alla paura di ritiro patente (la birra ha molto meno alcool del vino). Prima “Vino” era anche moda per molti non appassionati … oggi ,causa molteplici motivi, alcuni possono farne anche a meno….altri come il sottoscritto non tradiranno mai il vino con la birra e come me penso ce ne siano tanti altri !

Il vino ha bisogno più di un iPhone o di un PC?
Di un PC che può essere utile in moltissimi campi all’interno della sfera vino …. per ciò che concerne la comunicazione penso che il mondo del vino abbia più bisogno di un approccio diretto che possa trasmettere più emozioni rispetto al mondo virtuale (magari sono un pò sentimentale ma preferisco sempre la chiacchierata davanti ad un buon bicchiere di vino rispetto al PC) … Internet viene usato molto sia da me che all’interno dell’azienda  … Facebook solo per chiaccherare … anche se devo dire che vedo molti che lo sfruttano x business ..

Autunno, primi freschi, quali vini?
Il nostro nuovo vino Orme in Rosso che nasce dalla fusione fra “tradizione” Sangiovese e “innovazione” Petit Verdot/Merlot/Cabernet Sauvignon vino piacevole e non troppo invadente con i tannini molto dolci dovuti alla sua composizione oppure Numero Otto il nostro Canaiolo in purezza che rispecchia a pieno il vino per chi cerca freschezza e fragranza invece che concentrazione …

Autoctono o straniero?
La tendenza degli ultimi anni dice sempre e solo “vitigni autoctoni” (cioè italiani) e parrebbe che dovessimo espiantare tutto il merlot e il cabernet che abbiamo piantato ultimamente: ma l’utilizzo di vitigni francesi è sempre un male per i nostri vini?
Al di la del fatto che a Castelvecchio siamo propensi a mantenere i vitigni autoctoni penso che nel giusto equilibrio e con il giusto abbinamento fra vitigni “gli Internazionali” hanno portato e continueranno a portare giovamento alle nostra viticoltura.

Vino e Oroscopo:
Non so se il vino abbia un segno … Io sono dello Scorpione e a mio avviso il mio vino e il mio segno si assomigliano molto …. giudicate voi !!!

Vini in degustazione
Orme in Rosso 2007 (50% Sangiovese 30% Merlot 15% Petit Verdot 5% Cabernet Sauvignon)
Numero Otto 2007 (100% Canaiolo Nero)
Vigna la Quercia Riserva 2005 (90% Sangiovese 10% Cabernet Sauvignon)

Filippo Rocchi
Azienda Agricola Castelvecchio
Via certaldese 30
50026 San Casciano Val di Pesa – Firenze
+39 (0)55 8248032
www.castelvecchio.it
[email protected]